photo credits: Club del Surf

6 ft @ 18 sec _ Memories of a Pacific swell

photo credits: Club del Surf Popoyo

La versione italiana segue sotto

The Tale

On July 2011 I decided to go visiting a friend from college, FIlippo Biancu, who has established himself in Rivas Province, Nicaragua. He has been owning for over 10 years Club del Surf, a surf guesthouse in front of the break of Popoyo. Popoyo is an amazing wave: a world class barreling A-frame on a reef, with the left longer and more hollow than the right, that, depending on the angle, becomes mutant with super steep take off.

Popoyo wave

Popoyo stretching its muscles _ photo credits: Club del Surf

At that time I surfed the Atlantic Ocean many times and Indo twice. That was my first time surfing the Pacific Ocean, therefore I was really curious and wanted to challenge myself. For the first 3 days at Popoyo I surfed wind waves about shoulder high. On fourth day a swell was approaching. I surfed that day 1m @ 18 sec at the beach break with onshore wind. I could feel that something was waking up in the Pacific. Just I wasn’t aware of the force that was coming….

At the evening, talking with other surfers about the forecast, everyone was excited for a swell of 6 ft@ 18s coming the next day. Never surfed before in my life a consistent swell at 18 seconds period. In my ignorance I thought that next day was going to be an enjoyable surfing day. Probably very good long period wave, not challenging at all, maybe head high or little over head. Well, I was wrong. Damned wrong.

The next day Popoyo was firing. The Pacific Ocean has woken up with a force unknown for a Mediterranean surfer. Some sets were solid 10-foot face on the take off and the barrel was spitting from both sides. I don’t know why but I had the brilliant idea to get into the water anyway. While I was paddling out I saw 200m away the Outer Reef producing a 20 ft+ barrel. At this point I started to shiver. While sitting in the take off area I remember the feeling of the mass of water passing below me, pushing me up and down on the surface of the Ocean with an amplitude never experienced before. The Ocean was breathing so deeply that I was hypnotized and… paralyzed. My muscles stopped working and my brain was totally off. I felt myself in a nightmare where I couldn’t wake up

All that I accomplished was missing the take off on one of the smallest wave of the day:

July 2011: myself going south at Popoyo

 

The wipeout had no consequences, just had a dive and came up in 4 seconds.

I was not confident with those masses of water moving around me. There was Garrett Mcnamara cruising with the SUP between the break of Popoyo and the monstrous Outer reef. He was chilling out.

I finished the session paddling back to the shore and turning my head I saw a daredevil getting shaded by a turquoise cylinder. Really happy for him. I got my lesson and I was satisfied to end up without any injury.

 

The physics behind the tale (alert: this might be interesting)

Here I would love to give the idea of how much water is involved in a swell by comparing a Pacific swell of 6ft@18s with a solid Mediterranean swell of 6ft@9s, using the powerful tool that Swellbeat provides to its fans, the Wave Calculator:

https://swellbeat.com/wave-calculator/

I use the Linear Wave Calculator that gives the “wave parameters of a sea state at a reference point offshore of the surf zone” to calculate the volume of water that moves between the wave trough and the crest. Let’s consider a linear front wave of 1m, at the depth of 100m, for both swells: 2m@18s and 2m@9s.

Now please open the Swellbeat Wave Calculator in a window beside: you there? In the Linear Wave Calculator enter 2m as height, 18 sec as period and 100 m as depth, you get a wave length of 353.4m. Now leave everything unchanged but the period: 9 sec; you get 93.53 m wave length. Because shoaling waves (waves that are moving from deep water to shallow water) tends from sinusoidal shape to triangular shape, we can easily calculate the surface of the cross section {(base x height)/2} and then get the volume:

  1. Swell 2m@18 sec

Cross section surface: (353.4m x 2m)/2=353.4m2

Volume for a wave front of 1m: 353.4m2 x 1m= 353.4 m3, which means that on each wave front of 1m the energy of the swell passes through 353 tons of water, about the same weight of 320 Ford Fiesta.

  1. Swell 2m@ 9 sec

Cross section surface: (93.53m x 2m)/2=93.53m2

Volume for a wave front of 1m: 93.53m2 x 1m= 93.53 m3, which means that, on each wave front of 1m, the energy of the swell passes through 93 tons of water, about the same weight of 84 Ford Fiesta.

Can you see the difference?!? One wave at 18 sec involves almost 4 times the water invested by the energy of one wave at 9 sec. Terrifying, isn’t it?

Keep in mind that these volumes reduce considerably when the wave pass from deep water to shallow water (shoaling). When the wave breaks its wavelength can be 1/6 of the values above, further on, not all its energy is converted to moving water on your head.

Check the hand sketch to have a summary:

Approximation of the cross section of the wave to a triangle

 

Volume of water interested by a wave front of 1 m, for swells with different period

When the swell approaches shallow water things become complicated. Wavelength gets shorter (can play with the Wave Calculator entering smaller depths), the wave loses its symmetry (the face of the wave becomes steeper than its back) etc… Then, when the wave breaks all the energy of the Ocean is finally unleashed. However, it is difficult to calculate how much water breaking waves project forward.

The pressure exerted by a breaking wave can swing from 250 to 6000 lbs per square foot (1220 kg/m2 to 30.000 kg/m2), according to the size of the wave. A practical example: a plunging wave of intermediate size, breaking on a person, could give the same feeling of being hit by a small car. While getting washed by a large wave, can be comparable with being hit by a truck full loaded.

Remember: one cubic meter of water weighs one ton. It’s something to be aware of, if a day you decide to move out from your comfort zone.

We would love to hear your opinion on this topic, please leave a comment below!

 

6 ft @ 18 sec _ Ricordi di una mareggiata nel Pacifico

Il racconto

Nel luglio 2011 decisi di visitare un amico dell’Universitá, Filippo Biancu, che si era stabilito giá da diversi anni nella provincia di Rivas, in Nicaragua. Filippo è proprietario da più di 10 anni del Club del Surf, un’ostello per surfisti di fronte all’onda del Popoyo. Il Popoyo è un’onda straordinaria: un A-frame di classe mondiale su reef, con la sinistra più lunga e più scavata della destra, che, a seconda dell’angolo, diventa mutante con un take off molto ripido.

Popoyo mostra i muscoli. photo credits: Club del Surf – http://www.clubdelsurf.com/site.html

All’epoca avevo surfato molte volte nell’Oceano Atlantico e due volte in Indo. Era la prima volta che surfavo nell’Oceano Pacifico, ed ero perció curioso e pronto alla sfida. Surfai i primi 3 giorni onde di vento al Popoyo e al beach break, piú o meno altezza spalla. Il quarto giorno qualcosa cominció a cambiare. Surfai quel giorno 1m @ 18 sec al beach break con il vento da mare. Mi accorsi che qualcosa si stava svegliando nel Pacifico, solo ero ignaro della sua magnitudine…

Alla sera, parlando con altri surfisti delle previsioni per il giorno successivo, tutti erano eccitati per una mareggiata di 6 ft @ 18s che si avvicinava. Nella mia vita non avevo mai surfato una mareggiata consistente con periodo 18 secondi. Da ignaro, pensai che il giorno dopo sarebbe stata una divertente e facile giornata di surf, con onda lunga molto pulita, per nulla impegnativa, forse altezza d’uomo o poco piú. Be…mi sbagliavo, e di parecchio.

Il giorno dopo Popoyo era uno spettacolo. L’Oceano Pacifico si sveglió con una forza sconosciuta a un surfista del Mediterraneo. Alcuni set erano solidi 10 piedi sulla partenza e il tubo sbuffava da entrambi i lati.

Non so perché, ma ebbi comunque la geniale idea di entrare in acqua. Mentre remavo avvicinandomi alla zona di take off (il Popoyo ha accesso facile al break anche con misura), vidi a 200 metri di distanza l’Outer Reef che produceva tubi di 20+ piedi. A questo punto iniziai ad avere brividi di terrore. Mentre ero seduto in zona take off sentivo enormi masse d’acqua che passavano sotto di me, spingendomi su e giù sulla superficie dell’Oceano con un’ampiezza mai sperimentata prima. L’Oceano respirava così profondamente che mi ipnotizzava e…paralizzava. I muscoli non rispondevano e il cervello era off. Sembrava di essere in un incubo dal quale non potevo svegliarmi. Tutto quello che potei fare fu cadere in partenza su una delle onde più piccole della giornata:

Luglio 2011: il sottoscritto pronto ad immergersi al Popoyo

Il wipeout non ebbe conseguenze, feci un tuffo di 4 secondi e risalii immediatamente.

Non ero per niente a mio agio in mezzo a quelle masse d’acqua. Il giorno c’era Garrett Mcnamara che si spostava in tutta tranquillità col SUP tra il break del Popoyo e il mostruoso Outer reef. Per lui quelle condizioni erano uno scherzo.

Terminai la sessione remando verso la riva e girandomi vidi un temerario entrare dentro un cilindro turchese. Provai una gran gioia per lui. Avevo avuto la mia lezione ed ero felice di chiudere il conto senza infortuni.

La fisica dietro il racconto (avviso: potrebbe essere interessante)

Vorrei dare l’idea di quanta acqua è coinvolta in una mareggiata confrontando una mareggiata del Pacifico di 6ft @ 18s con una mediterranea di 6ft @ 9s, usando il potente strumento che Swellbeat fornisce ai suoi fan, il Wave Calculator:

Wave Calculator

Uso il Linear Wave Calculator che fornisce i “parametri delle onde in un punto di riferimento al largo della surf zone” per calcolare il volume di acqua che viene mosso tra la cresta e la depressione dell’onda. Considero un fronte lineare di 1 m e una profondità di 100 m per entrambe le mareggiate: 2m @ 18s e 2m @ 9s.

Ora vi consiglio di aprire il Wave Calculator di Swellbeat in una finestra accanto, ci siete?: nel Linear Wave Calculator inserite 2 m come altezza, 18 secondi come periodo e 100 m come profondità, otterrete una lunghezza d’onda di 353,4 m. Ora lasciate tutto inalterato tranne il period: 9 sec; otterrete 93,53 m di lunghezza d’onda. Approssimiamo la sezione trasversale dell’onda ad una forma triangolare, per calcolare agevolmente la sua superficie e quindi ottenere il volume:

  1. Swell 2m @ 18 sec

Superficie della sezione trasversale: (353.4m x 2m) /2=353.4m2

Volume per un fronte d’onda di 1 m: 353,4m2 x 1 m = 353,4 m3, il che significa che un fronte d’onda di 1 m coinvolge 353 tonnellate di acqua, circa lo stesso peso di 320 Ford Fiesta.

  1. Swell 2m @ 9 sec

Superficie della sezione trasversale: (93.53m x 2m) /2=93.53m2

Volume per un fronte d’onda di 1 m: 93,53 m x 1 m = 93,53 m3, il che significa che un fronte d’onda di 1 m coinvolge 93 tonnellate di acqua, circa lo stesso peso di 84 Ford Fiesta.

Visto che differenza?!? Un’onda di mareggiata a 18 sec coinvolge quasi 4 volte il volume d’acqua di un’onda di mareggiata con periodo 9 sec. Terrificante no?

Tieni presente che questi volumi si riducono considerevolmente quando l’onda passa da acque profonde ad acque poco profonde (shoaling). Quando l’onda si rompe la sua lunghezza d’onda può essere 1/6 dei valori riportati sopra. Inoltre, non tutta la sua energia viene convertita in acqua che si infrange sulla tua testa.

Date un’occhiata al disegno per avere un riassunto:

Approssimazione della sezione trasversale dell’onda a triangolo

 

Volume d’acqua interessato da un fronte d’onda di 1 m, per mareggiate con diversi periodi

Quando l’onda si avvicina alle acque poco profonde le cose diventano complicate. La lunghezza d’onda si accorcia (provate a inserire profonditá sempre piú piccolo nel Wave Calculator), l’onda perde la sua simmetria (la faccia dell’onda diventa più ripida della sua schiena) ecc…. Quando l’onda rompe, tutta l’energia dell’Oceano viene finalmente liberata. Calcolare quanta acqua viene proiettata in avanti da un frangente è tuttavia difficile.

La pressione esercitata da un’onda che rompe varia da 250 a 6000 libbre per piede quadrato (da 1220 kg/m2 a 30.000 kg/m2), seconda della dimensione dell’onda. Un esempio pratico: un’onda tubante di medie dimensioni che frange adosso ad una persona puó dare la stessa sensazione di essere investiti da una piccola auto. Mentre essere spazzati via da una grande onda, tipo Chopes, è paragonabile a venire travolti da un camion a pieno carico.

Ricorda: un metro cubo di acqua pesa una tonnellata. È qualcosa da tenere bene a mente il giorno che deciderai di uscire dalla tua comfort zone.

Ci piacerebbe sentire la tua opinione sull’argomento, commenta qui sotto!

Alla prossima settimana, buone onde a tutti!

 

 

 

 

 

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.